John Steinbeck

.
Se il grande scrittore John Steinbeck avesse voluto prendersi una motocicletta, avrebbe di certo scelto una Vespa. L'incipit di un suo bellissimo romanzo, Viaggio con Charley, parafrasato in chiave vespistica è perfetto. Steinbeck scrisse quel romanzo nel 1962. Io sarei nato soltanto l'anno dopo. "Charley" è il nome con cui ho battezzato il mio vespone, un P125X del 1981. (leggi l'incipit "parafrasato").

in Vespa a Capo Nord

.
Filippo Logli
IN VESPA A CAPO NORD
Edizioni ÉXÒRMA

"Ho imparato a giostrarmi tra il cambio al manubrio, il freno a pedale la miscela di benzina e olio da versare nel serbatoio. L'ultimo scooter che ho guidato, anni fa, era completamene automatico: bastava premere un bottone, accelerare, frenare, punto. Ora mi rendo conto di cavalcare qualcosa di più di un semplice motorino. Questo è un pezzo di storia, è un'opera meccanica. Trasmette tutte le emozioni di chi l'ha progettata meticolosamente, di chi l'ha costruita con dedizione e dei milioni di persone che l'anno sognata, guidata e amata".

Imbattermi in righe come queste già a pagina 13 è stato illuminante: quanto ha fatto e scritto Filippo Logli è un qualcosa, nella sua normalità, destinato a non passare inosservato. Quanto hanno fatto lui e Alessandro Pierini, suo compagno d'avventura e autore delle foto pubblicate nel volume, è si un'impresa, ma non sono stati i primi e di certo non saranno gli ultimi a puntare il manubrio di una Vespa verso il Circolo Polare. A fare la differenza dai tanti è l'arte di saper condividere la propria esperienza, e in questo Filippo si dimostra un vero fuoriclasse, tanto da cominciare a contagiare il prossimo con il suo entusiasmo ancora prima di mettersi in strada. Un entusiasmo tanto contagioso da riuscire nell'impresa, tentata da molti e riuscita quasi a nessuno, di avere l'appoggio ufficiale della Piaggio, con tutte le benefiche conseguenze che, a cascata, ne deriveranno.
Nelle pagine di questo "In Vespa a Capo Nord", ancor più che in tante altre di cui si parla in questo Weblog, la Vespa è vera protagonista, e con lei gli aspetti più caratteristici del mondo vespistico, quale l'associazionismo, ritagliando un ruolo non secondario al Vespa Club Pontedera ed ai soci che ne fanno parte, a cui Filippo si confida e si affida nella sua iniziazione di vespista. Un approccio umile alla Vespa e al viaggio in Vespa, per un racconto che non cade mai nella tentazione di toni epici che sarebbero fuori luogo nella descrizione di un viaggio che è una vacanza.
Ancora prima di partire e nei primi giorni di viaggio uno stillicidio di guai meccanici mettono subito alla prova la tempra dei viaggiatori. Una serie di inconvenienti che finiscono per arricchire la storia con i personaggi che di volta in volta li aiutano a trovare una soluzione. Guasti e riparazioni danno un piccolo valore aggiunto al libro, in una sorta di piccolo vademecum scritto tra le righe del racconto, utile a chi desiderasse mettersi in strada con una Vespa.
Il racconto del cammino verso Capo Nord si intreccia col ricordo di precedenti esperienze e dei mesi trascorsi in Sud America da Filippo, così come l'inaspettata crociera (con Vespa al seguito!) alla volta delle Isole Lofoten lo porta a ricordare la sua traversata oceanica in barca a vela.
Filippo parte quindi che è già un viaggiatore ricco delle molteplici esperienze vissute lontano da casa e per lungo tempo, ma torna arricchito dall'essere diventato vespista...

"La PX fila veloce nel vento che ci sospinge da dietro e alla guida mi sento un tutt'uno con essa. Dopo tutti questi chilometri la sento sempre più mia, ho imparato a percepire i piccoli segni che mi manda, a rispettarla. Va trattata con le cautele e le attenzioni che i suoi anni richiedono, ma è uno spirito forte, dai tratti gentili e dall'anima indomabile".

...e anche Alessandro non resta indifferente:

"La voglio anch'io una Vespa. Quando torno me ne compro una. D'epoca, eh!".

Se si vuol proprio fare una critica a Filippo è quella di aver forse lasciato un po' troppo a margine del racconto il suo compagno di viaggio. Qualche pagina scritta in prima persona da Alessandro avrebbe arricchito di un differente punto di vista la cronaca del viaggio.
La narrazione segue serrata le tappe del cammino, con buon ritmo, il "rischio" è quello di lasciarsi prendere dalla curiosità finendo per leggersi il libro tutto di un fiato.

Una nota a parte la merita anche il volume in quanto oggetto. La realizzazione tipografica denota l'attenzione dell'editore per la confezione del volume, rilegato, con la copertina morbida che nei risguardi ha le mappe del viaggio sempre a portata di mano. Mi piace sottolinearlo, oggi che si è portati a pensare che un libro possa anche essere soltanto un file di testo da scaricare sul proprio lettore. Parte dell'emozione della lettura sta anche nel maneggiare un volume di qualità.

INCIPIT
Non è un hobby, non è soltanto una passione. Viaggio perché non potrei fare altrimenti.


Questo libro è disponibile tra i titoli a catalogo della LIBRERIA UNIVERSITARIA: acquistandone una copia attraverso i link pubblicati in questo Weblog una piccola percentuale della vostra spesa contribuirà al mantenimento di “Chilometri di Parole in Vespa”. Grazie!

La trilogia di Jupiter

.

Si completa la trilogia dei romanzi in cui Ted Simon ha narrato in successione il primo, il secondo giro del mondo in motocicletta e quello che ne è stata di conseguenza la sua vita.

"Chilometri di Parole in Vespa" fa poche eccezioni rispetto alla sua linea editoriale vocata alla catalogazione della "letteratura vespistica", ovvero pagine in cui protagonisti sono scooter con ruote da 8" o 10". Doveroso però dare spazio alle "ruote alte" per un personaggio del calibro motociclistico di Ted Simon e ai suoi libri che entrano a buon diritto a farne parte.




Per chiudere questa anteprima una piccola "chicca" di cui KmPV è davvero orgogliosa, un omaggio al grande Enzo Jannacci recentemente scomparso, co-autore di letteratura vespistica di un piccolo libricino uscito nel lontano 1993 nella collana "Millelire" (leggi tutto...)

Buone vespa-letture!

DUERUOTE

.
(AA.VV.) Bergonzoni, Lella Costa, Disegni, Faso (Elio e S.T.), Gino e Michele, Enzo Jannacci, F. Rutelli
DUERUOTE
Millelire - Stampa Alternativa

Una vera e propria "chicca" scovata scandagliando il Web alla ricerca di un racconto "vespistico" scritto da Enzo Jannacci, che ricordavo di aver letto - ma chissà dove - tanti anni fa, e che mi era tornato in mente in occasione della sua scomparsa.

Quel racconto faceva parte di una raccolta pubblicata nel 1993 in un libricino (60 pagine, f.to 10 x 14 cm) della collana "Millelire" edita da Stampa Alternativa, che ringrazio per essere riuscita a scovarne una copia che hanno avuto la gentilezza di donarmi.

Scopo di questa pubblicazione era divulgare le novità introdotte nel Codice della Strada a partire dal 1993, con la complicità della Piaggio, per un "progetto di libro millelire che mettesse a frutto, nel rispetto delle proprie identità e soprattutto nell'interesse di coloro che si troveranno di fonte alla novità legislativa costituita dal nuovo codice..."

Oltre a Piaggio, Stampa Alternativa e Jannacci sono stati "complici" di questa pubblicazione personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo, che hanno contribuito con i loro scritti "vespistici", disegni e fumetti.


clikkare sulla foto per ingrandire

clikkare sulla foto per ingrandire

Per contribuire al mantenimento di questo Weblog acquistate i vostri libri dal sito della LIBRERIA UNIVERSITARIA passando da questo link o da quelli pubblicati nelle altre pagine.

L'EREDITÀ DI JUPITER

.
Ted Simon
L'EREDITÀ DI JUPITER
Elliot Edizioni

Inevitabile per Ted Simon tornare sugli scaffali delle librerie con un nuovo libro con il quale, in qualche modo, cercare di chiudere il cerchio di quella grande avventura on the road che è stata la sua vita.
É sempre il viaggio il fulcro attorno al quale si sviluppa il racconto, ma non ci sono i chilometri scanditi dalle tappe e dagli incontri, c'è la vita di un uomo che si è fermato dopo aver vissuto per anni sulla strada.
Aver visto tutto il mondo porta inevitabilmente a riflettere sulla nostra epoca e sul consumismo imperante. Viaggiare lo ha portato ad allontanarsi dagli standard della vita occidentale, per avvicinarsi alla realtà delle cose più semplici e naturali, dal cibo allo stile di vita, a cose più profonde, come il rapporto con la morte.

"La vita è impregnata di morte e sarebbe meglio per noi comprendere questo dato di fatto in modi più naturali e meno sensazionali che leggendo articoli di cronaca e guardando immagini di lontane violenze".

Con lo scorrere delle pagine i ricordi del rientro in patria e della stesura dei suoi scritti si alternano e si intrecciano a quelli legati ai viaggi, in quella che è una vita vissuta tra pagine e chilometri:

"(...) di li a poco ci ritrovammo in una graziosa vallata piena di pascoli, enormi querce e vecchi fienili, in mezzo alla quale sorgeva una cittadina (...) una fila di edifici bassi conducevano a un altro ristorante e, andando a bere un caffè, nel mezzo scoprimmo un filone d'oro. Si chiamava libreria Yolla Bolly, e noi gettammo un'occhiata distratta attraverso la vetrina aspettandoci di vedere i soliti scaffali pieni di best seller dozzinali, biglietti di auguri e souvenir. Ma questa era una libreria vera, un negozio che saremmo stati sorpresi di trovare persino a Londra o San Francisco".

Ted Simon, un po' come Giorgio Bettinelli nel suo ultimo libro, racconta più di se stesso che dei suoi viaggi, arrendendosi al fatto che l'uomo che oggi si è fermato è tutta un'altra persona rispetto a quella che prese le strade del mondo tanti anni prima. Un uomo liberato dal giogo della ripetitività quotidiana ma "condannato" ad un ruolo che, nella sua precarietà, è decisamente invidiabile.

"Non lavoro in modo continuativo da molto tempo e non incoraggerei nessuno ad assumermi, giacché sono diventato piuttosto inidoneo al lavoro. Il mio reddito è instabile quanto un comignolo di mattoni durante un terremoto, e frequentemente collassa del tutto. (...) Quando viaggio non sono intralciato da aspettative di comodità e vantaggi. Meglio ancora, non devo mai rientrare in ufficio".

Un libro questo "L'eredità di Jupiter" che fissa in un quadro quella che è stata la vita di Ted Simon e, forse per questo, più utile all'autore che ai suoi lettori. Un libro da leggere per tutti quelli che hanno già viaggiato sulle pagine dei due libri precedenti ("i viaggi di Jupiter" e "Sognando Jupiter"), con la speranza di perderci anche noi, un giorno, lungo una strada, in qualche parte del mondo.

INCIPIT

Se la vita è un viaggio, allora i migliori viaggi dovrebbero somigliare alla vita, che è un'altalena di alti e bassi. Quando arrivai a Penang, una splendida isola al largo delle coste della Malesia, non immaginavo quanto la mia vita potesse precipitare in basso, ma se proprio doveva, quello era di certo il posto più stimolante.

Ted Simon
L'EREDITÀ DI JUPITER
Elliot Edizioni

Questo libro è disponibile tra i titoli a catalogo della LIBRERIA UNIVERSITARIA: acquistandone una copia attraverso i link pubblicati in questo Weblog una piccola percentuale della vostra spesa contribuirà al mantenimento di “Chilometri di Parole in Vespa”. Grazie.





SOLI IN AFRICA, io e la mia Vespa.

.
Stefano Medvedich
SOLI IN AFRICA, io e la mia Vespa.
(Anxa News)

Con l'uscita del numero 61 (gen/feb 2013) del bimestrale Anxa News, si è conclusa la lunga serie di articoli a firma di Stefano Medvedich, nei quali l'autore ha raccontato le peripezie della sua incredibile avventura in Vespa. Un lungo viaggio anche per chi ha seguito il suo racconto dalle pagine della rivista, la pubblicazione del primo articolo risale infatti al n. 33 (mag/giu 2008), un racconto che appassiona fin dalle prime righe:

"Forse un giorno mi accadrà di ripensare a questo viaggio con nostalgia; chissà, forse mi verrà la voglia di rifarlo, ma ora sono stanco e provato e voglio tornare a casa".
Questo pensavo a Bukavu, nella provincia orientale della Repubblica Democratica del Congo, la sera del 22 settembre 2007 nel cortile della missione dei Padri Saveriani dove,seduto sul bordo di un'aiuola, fumavo una sigaretta in solitudine. Un pianto sommesso accompagnava i miei pensieri e nelle lacrime si scioglievano la tensione e la fatica accumulate nel corso di un viaggio durato sette lunghi mesi..."

Come in un romanzo d'appendice d'altri tempi il racconto dettagliato, complice i tempi dilatati della sua pubblicazione, trasmette al lettore l'infinita pazienza necessaria ad affrontare, senza perdere il controllo e la fiducia in se stessi, le tribolazioni che la burocrazia e la diffusa corruzione che incontra chi si trova a viaggiare in solitudine nelle zone più remote del Continente Nero. Stefano Medvedich, forte anche dell'esperienza di viaggi precedenti, ha la sicurezza e l'arroganza per tenere spesso testa, in un sottile gioco di bluff, al funzionario di turno, che inventa complicazioni col solo scopo di estorcere denaro a chi si trova sul suo cammino. "Contrattempi" che farebbero tremare le vene dei polsi anche al viaggiatore più navigato.
Medvedich non si fa mancare nulla: fame, fatica, zanzare, malattie, scomodità, deviazioni di percorso su strade che definire impossibili non è abbastanza, e le foto pubblicate a corredo dei vari articoli sono eloquenti. Un viaggio che ha tutte le caratteristiche di un pellegrinaggio d'altri tempi.
Ma non ci sono toni eroici nel suo racconto. L'autore riporta la cronaca fedele e puntigliosa dei vari ostacoli incontrati giorno per giorno, di come gli stessi sono stati superati, e li racconta con il distacco del cronista che non giudica gli avvenimenti ma si limita a narrare i fatti, lasciando che sia il lettore a trarre conclusioni e a giudicare.

Tutti gli articoli sono disponibili online nell'archivio del sito Web del bimestrale Anxa News (link)

Ho raccolto in un unico documento PDF tutti gli articoli in ordine di pubblicazione. Ne è uscito una sorta di libro che a buon diritto entra tra i titoli di narrativa di viaggio presenti in "Chilometri di Parole in Vespa", con la speranza che questo diario di bordo possa presto diventare un libro vero e proprio.


Buona lettura!

AGGIORNAMENTO: si è concretizzato l'auspicio di KmPV e il racconto del lungo viaggio nell'Africa Nera di Stefano Medvedich è diventato un vero libro! Per tutte le info a riguardo CLICCA QUI

Per contribuire al mantenimento di questo Weblog acquistate i vostri libri dal sito della LIBRERIA UNIVERSITARIA passando da questo link o dagli altri pubblicati in altre pagine.

Vespamente vostro

Alberto Bortoluzzi
VESPAMENTE VOSTRO
Alberto Bortoluzzi Editore

Un diario di viaggio semplice e genuino. Nulla di più ma, soprattutto, nulla di meno: anzi.
C'è tutto il pacato entusiasmo di un cinquantenne che si guarda indietro, ma giusto un attimo, e decide che è giunto il momento di partire, finalmente, da solo con la sua Vespa a zonzo per l'Italia.
Un viaggio che fa dell'improvvisazione e dell'imprevisto il suo punto di forza, con la determinazione che cresce giorno dopo giorno grazie al superamento delle inevitabili piccole difficoltà quotidiane. Un viaggio scandito da tappe a volte improbabili, decise dalla simpatia che ispira il nome di una località, e dal desiderio di incontrare persone e cose, come la sosta a Fucecchio per vedere con i suoi occhi la "Olivetti lettera 22", la leggendaria macchina da scrivere che fu di Indro Montanelli, oggi esposta nella sua casa museo.
Viaggiare per l'autore è vedere con i suoi occhi e fotografare, perché Alberto Bortoluzzi, ancor prima che viaggiatore e scrittore è un apprezzato fotografo che vanta illustri collaborazioni. Diversi gli scatti che impreziosiscono questo piccolo volume, foto mai banali che danno al viaggio uno spessore ben maggiore di quello di una semplice vacanza.

Alla presentazione del volume Bortoluzzi racconta di se, della sua vecchia Vespa, un PX messo in pensione anticipata nel timore del fermo dei veicoli inquinanti a favore di una moderna Vespa 4 tempi. Racconta anche del suo incontro, anni fa, con Giorgio Bettinelli. Bortoluzzi lo va a trovare nel periodo in cui Bettinelli, dopo il viaggio da Roma a Saigon, è in Italia per organizzare il suo giro del mondo. Un incontro che Bortoluzzi ricorda con simpatia, tanto che oggi, ad anni di distanza, è proprio alla memoria di Bettinelli che dedica questo suo libro.

INCIPIT
"Quante volte avevo sognato un viaggio "On the road" in moto, ma, per un motivo o per un altro, avevo sempre rimandato. Nel frattempo avevo passato i cinquant'anni e, di colpo, mi ero reso conto di non aver più tempo da perdere: o adesso o mai più. Senza voler compiere chissà quale impresa, avrei potuto fare un giro per l'Italia in Vespa".


 Alberto Bortoluzzi
VESPAMENTE VOSTRO
Alberto Bortoluzzi Editore


Questo libro, editato in proprio è sprovvisto di codificazione ISBN ed è possibile acquistarlo direttamente dall'autore scrivendo all'indirizzo info@albertobortoluzzi.com

Per contribuire al mantenimento di questo Weblog acquistate i vostri libri dal sito della LIBRERIA UNIVERSITARIA passando da questo link o dagli altri pubblicati in altre pagine.



Contatti: SCRIVIMI UNA MAIL!

Sei autore di un Vespa-libro, oppure sei un editore e ne hai pubblicato uno? Manda una mail e ti darò istruzioni per l'invio di una copia saggio. Scrivi a: lorenzo205@libero.it