John Steinbeck

.
Se il grande scrittore John Steinbeck avesse voluto prendersi una motocicletta, avrebbe di certo scelto una Vespa. L'incipit di un suo bellissimo romanzo, Viaggio con Charley, parafrasato in chiave vespistica è perfetto. Steinbeck scrisse quel romanzo nel 1962. Io sarei nato soltanto l'anno dopo. "Charley" è il nome con cui ho battezzato il mio vespone, un P125X del 1981. (leggi l'incipit "parafrasato").

Isole

Isole
Alberto Colle Conte
Edizioni Leucotea

I viaggi in Vespa di Alberto Colle Conte non sono l'impresa epica di un impavido rider. Sono viaggi normali, alla portata di chiunque e proprio per questo ancora più apprezzabili da chi la passione per la Vespa la vive nella quotidianità. È la sua sensibilità a fare di queste sue girate ordinarie un'esperienza che vale la pena condividere nelle pagine di un libro. Alberto l'aveva già fatto qualche anno fa con il suo primo libro UN SOGNO IN VESPA, nel quale aveva raccontato i 5.000 chilometri del suo periplo della costa italiana.
"...come un fastidioso ronzio di una mosca, la mia carta geografica con tutte le 32 tappe del mio viaggio precedente mi ricorda che le tre più grandi isole sono integre, la punta del mio pennarello nero non vi è ancora arrivata..."
Con questa sua nuova pubblicazione dal titolo ISOLE, in un certo senso l'autore riprende la filosofia di quel suo viaggio del 2015 e lo porta, per così dire, a compimento. Dopo aver tracciato con le ruote della sua Vespa tutto il profilo dello "stivale" nazionale, spiega la sua "Vela bianca di Badu" e naviga fino a sbarcare con "la Mitica", il suo scooter made in Pontedera, nelle tre isole principali: Sardegna, Sicilia e Isola d'Elba.
Alberto è un viaggiatore solitario ma non è quasi mai solo, le sue tappe sono scandite dall'incontro con amici e vespisti, con i quali condividere anche solo qualche ora di vita innaffiata da una buona birra, perché è importante tenere a mente che si può anche essere dei solitari, ma non si è mai davvero soli. Non tutti i luoghi, a volte, sono belli come uno se li aspetta, un viaggio a volte può anche riservare qualche delusione, fa parte del gioco, molto più spesso invece ci si trova in posti superiori a qualsiasi nostra aspettativa. Non necessariamente sono i più belli o i più famosi, sono le sensazioni che si provano a pelle a renderli tali, e la pelle di Alberto è tra le più sensibili.
"...entro in tenda e scrivo sul mio diario poche annotazioni per ricordarmi queste piccole delusioni di fine giornata. Mi vergogno a scrivere delusioni perché nella vita ne ho conosciute altre ma a volte fa anche piacere dare un peso più marcato a certe cose che ci capitano durante la giornata. Penso che noi esseri viventi non sappiamo dare la giusta importanza ai problemi della vita..."
Spesso si dice, e molte volte anche a sproposito, che la vita è un viaggio. Su questo viaggio di Alberto per le isole italiane il sipario cala sopra uno scampolo di vita vera che, come sempre, tesse per noi una trama imperscrutabile e imprevedibile, che possiamo solo accettare per quella che è. Alberto condivide con sincerità con i suoi lettori un frangente e privato della sua vita, perché se è vero che la vita è un viaggio, un viaggio, per essere davvero tale, in qualche maniera deve essere condiviso:
"Sono tranquillo perché in questa vita non si è mai soli, a volte le persone non le vediamo ma sentiamo la loro presenza, non si muore mai, scompariamo solo fisicamente ma continuiamo a vivere con un'altra dimensione.".

Isole
Alberto Colle Conte
Edizioni Leucotea


Questo libro è disponibile tra i titoli a catalogo della LIBRERIA UNIVERSITARIA: acquistandone una copia attraverso i link pubblicati in questo Weblog una piccola percentuale della vostra spesa contribuirà al mantenimento di “Chilometri di Parole in Vespa”. Grazie!

Contatti: SCRIVIMI UNA MAIL!

Sei autore di un Vespa-libro, oppure sei un editore e ne hai pubblicato uno? Manda una mail e ti darò istruzioni per l'invio di una copia saggio. Scrivi a: lorenzo205@libero.it