John Steinbeck

.
Se il grande scrittore John Steinbeck avesse voluto prendersi una motocicletta, avrebbe di certo scelto una Vespa. L'incipit di un suo bellissimo romanzo, Viaggio con Charley, parafrasato in chiave vespistica è perfetto. Steinbeck scrisse quel romanzo nel 1962. Io sarei nato soltanto l'anno dopo. "Charley" è il nome con cui ho battezzato il mio vespone, un P125X del 1981. (leggi l'incipit "parafrasato").

One man caravan

ONE MAN CARAVAN
Robert Edison Fulton Jr.
Elliot - Lit Edizioni
La moderna narrativa di viaggio, nello specifico di viaggi in moto, non può prescindere da questo libro. Difficile al giorno d'oggi pensare di mettersi in sella su strade che non siano già state percorse. Nel 1932 però la situazione non era esattamente la stessa, annunciare di voler fare il giro del mondo in moto poteva sembrare poco più di una boutade. Se però capita di dirlo in presenza del rappresentante di una marca motociclistica - oggi divenuta storica come la Douglas - disposto a fornirti il necessario, a cominciare da tre quintali e mezzo di moto equipaggiata per l'occasione con ruote da automobile, ti puoi trovare ad essere il protagonista della più straordinaria avventura motociclistica in solitaria. È quanto accadde a Robert Edison Fulton Jr. che in questa questa impresa profuse tutto l'entusiasmo e l'incoscienza dei suoi ventitre anni. Inevitabile scotto da pagare all'inesperienza gli errori di programmazione e le esagerazioni nell'equipaggiamento, che regalano a queste pagine la genuinità di un documento unico nel suo genere. L'autore è davvero bravo nel documentare il suo cammino, sia con le parole che con le immagini, in cui è un vero maestro nell'uso dell'autoscatto. Tante le immagini riprodotte nel volume (che avrebbero meritato una miglior qualità di carta per una resa ottimale del bianco nero).
R.E. Fulton Jr. in sella alla sua Douglas nel 1996
courtesy of  http://www.geodysseo.org 
Le paure, le incertezze e la faccia tosta alle prime frontiere incontrate lungo la strada. Un'avventura irripetibile oggi, dove un americano può raccontare della squisita ospitalità che gli viene offerta attraversando,
da turista solitario, i Paesi del Golfo Persico. Un viaggio dove nulla è scontato, a cominciare dall'assurda burocrazia dei paesi del terzo mondo, una storia che ci riporta indietro nel tempo e fa rivivere "in diretta" i diciassette mesi di viaggio. Una storia incredibile, dove nonostante gli "arresti" fossero una costante di parecchie tappe l'autore non si è quasi mai sentito realmente in pericolo: 

"Chi viaggia solo viaggia sicuro. Può sembrare un paradosso, ma chi viaggia da solo ha molte meno probabilità di finire nei guai di chi viaggia in compagnia. La logica è semplice come la mentalità della gente del luogo. Quando un turco si imbatte in uno straniero solitario non ne ha alcun timore: si sente al sicuro sulla sua terra e tra la sua gente..."

Una filosofia tutta particolare che lo aiuta a vivere nel modo migliore, giorno dopo giorno, il suo cammino, fino al colpo di scena che a poche migliaia di chilometri dalla conclusione getta l'autore nello sconforto.

INCIPIT
Il silenzio è d'oro.
Avessi dato retta a questo vecchio adagio, forse tante cose non sarebbero successe. Per dirne una questo resoconto. A quella cena londinese, il padrone di casa, la sua signora e i loro cinque ospiti erano convinti di avere a che fare col classico giovane laureato americano, reduce da un anno di studi alla facoltà di architettura dell'Università di Vienna, il quale sulla via di casa aveva pensato bene di fare una puntatina nella vecchia Inghilterra. A tavola la conversazione ruotava intorno alle sfumature dell'architettura americana, quando la ragazza dai capelli color caramella mou se ne uscì dicendo: "Pensa di salpare presto per gli Stati Uniti? La invidio, trovo che New York sia semplicemente sconvolgente".
"No" risposi. "Sto per fare il giro del mondo in motocicletta!".


ONE MAN CARAVAN
Robert Edison Fulton Jr.
Elliot - Lit Edizioni

Anche questo volume è disponibile nel catalogo online della LIBRERIA UNIVERSITARIA

Contatti: SCRIVIMI UNA MAIL!

Sei autore di un Vespa-libro, oppure sei un editore e ne hai pubblicato uno? Manda una mail e ti darò istruzioni per l'invio di una copia saggio. Scrivi a: lorenzo205@libero.it